Una boccata d’aria fresca

Una boccata d’aria fresca

who am I 3

Stai respirando? Sei vivo? Siete presenti nel qui e ora? Questi possono sembrare strane domande ma leggere di nuovo e guardare a ciò che stanno chiedendo. Siete veramente consapevoli che state respirando e seite veramente consapevole che siete in vita? Siete consapevoli del vostro inspirazione e la vostra espirazione sia che il respiro è lungo o corto, profondo o superficiale, ruvida o liscia? Siete a conoscenza del punto in cui il respiro entra nel corpo alle punte delle narici? Siete a conoscenza dello spazio vuoto che esiste tra l’inspirazione e l’espirazione? Permettete il respiro di muoversi delicatamente e spontaneamente oppure lo stai forzando? Il Vostro espirazione si ferma quando prendette un ispirazione o lo fatte continuare all’infinito nello spazio e nel tempo? La vostra ispirazione è veramente la vostra oppure è  fatta dall’ espirazione altrui? Riesci vedere il tuo respiro negli occhi della persona che non ti piacce o nelle lacrime della persona anziana che è completamente da solo e trascurato dalla società?

Lasciamo il respiro per un attimo e diamo un’occhiata ai nostri pensieri, parole e azioni durante il giorno. Sei totalmente consapevole di tutto ciò che si verificano e sperimenti durante il giorno? Oppure il giorno semplicemente accade senza che lo sapiamo – si comincia con alzarsi al mattino e prima di sapere che sa che il sole è tramontato e ci ritiriamo per dormire. La giornata è passato – non tornará mai più – un altro giorno della nostra vita è scaduto e finita. Forse la domenica si lava l’auto, ma vi chiedo – stai davvero lavando la macchina o stai pensando alla partita di calcio che potresti guardare alla televisione quando si va dentro casa piu tardi? In alternativa, state pensando di domani – lunedì – tornate al lavoro – la stessa macinatura vecchia di inconsapevolezza. I giorni passano, le settimane passano, non vediamo l’ora per le nostre vacanze e essi passano anche. Gli anni passano, e noi invecchiano e moriamo.

La vita è un dono straordinariamente raro e fragile. Se siamo fortunati, la vita può durare per 100 anni. Ogni momento contenuta all’interno di quei 100 anni è profondamente unico e originale. Nessun altro sperimenterà quel momento e non potrà mai risorgere. Nasce, si vive, e morì – andato per sempre. Se non siamo pienamente consapevoli di tutto ciò che vediamo, sentiamo, odoriamo, gustiamo e tocchiamo in ogni momento quindi dobbiamo concludere che non siamo affatto vivi. La persona che sceglie di non essere pienamente consapevoli della loro vita non è meglio di un cadavere ambulante – siete d’accordo?

Siamo nati con un in-respiro, lasciamo questo mondo con una espirazione. Ciò che accade in mezzo è la preziosità della vita. Essere a conoscenza di esso. Respirate momento per momento. Godetela. Viverla. É il vostro da vivere. 

Ven Edo Shonin & Ven William Van Gordon



Categorie:Meditazione, Riflessioni: Articoli

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: