Insegnamenti Buddisti: Introduzione

Insegnamenti Buddisti: Introduzione

nirmanakaya

Il Buddhismo ha avuto origine circa 2.600 anni fa e si basa sugli insegnamenti di Siddartha Gautama, che si dice di essere Nato a Lumbini (vicino al confine Nepalese/indiano).  A circa 29 anni di età, si ritiene che il principe Siddartha ha lasciato dietro tutta la vita mondana e sontuosa (contro la volontà dei suoi genitori) per diventare un mendicanti senzatetto e che ha raggiunto “Illuminismo” circa sei anni più tardi, mentre meditava sotto l’albero di Bodhi a Bodhgaya in India orientale. D’ora in poi divenne noto come Shakyamuni Buddha che ‘ha girato la ruota del Dharma’ a Varanasi e insegnato altrove in tutta l’India prima di morire a Kushinagar (Nord India) a circa 80 anni di età.

Anche se i record della vita del Buddha sono ben documentati, piuttosto che il culto di una figura storica, la quintessenza della pratica buddista si concentra sull’applicazione quotidiana dei principi spirituali e di meditazione come mezzo per trasformare la sofferenza e realizzare la ‘natura di Buddha’ (sanscrito: sugatagarbha) che si trova all’interno di ognuno di noi.

Per poter chiamarci veramente buddisti, dobbiamo aver capito che gli insegnamenti buddisti sono solo un mezzo per attualizzare una verità universale. Gli insegnamenti sono semplicemente un dito puntato verso la luna e non la luna stessa. Per questo motivo, il praticante buddista dovrebbe essere altrettanto comodo a visitare una Chiesa, una sinagoga o una moschea, così come sono a visitare un tempio buddista. In altre parole, a chiamare se stessi un vero buddista, si deve lasciar andare ogni tipo di attaccamento a tale etichetta. Vale a dire, lasciare andare l’etichetta di ‘buddhista’.

In questa sezione esploriamo cosa significa essere un buddista, e come integrare gli insegnamenti buddisti nella vita quotidiana. Andando avanti nella pratica del Dharma, cercate di tener presente quanto segue:

Si prega di non provare di possedere il Buddhadharma. Si prega di non cercare di far diventare buddisti altre persone. Si prega di non sentire il bisogno di vendicarsi contro coloro che denigrano il Dharma. Si prega di non cercare di diventare un grande maestro di meditazione. Basta semplicemente essere gli insegnamenti. Lavorare in armonia con le condizioni intorno a te e consentire la vostra presenza illuminata a crescere organicamente. Nel tempo, quella presenza sarà sentita da tutti quelli che incontrate. Suonerà in tutto l’universo – come il ruggito di un leone in pieno vigore.

Ven Dr Edo Shonin & Ven William Van Gordon

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: